Come fotografare i bambini piccoli per un risultato assicurato

In questo articolo troverai

Fotografare i bambini piccoli può essere molto complicato. Pensa a quante lotte hai combattuto contro tuo figlio ad ogni cambio pannolino: tu lo metti a pancia in su e lui frulla a pancia in giù; tu vuoi chiudergli il pannolino pulito e lui si dimena e scalcia con tutta la forza che ha buttando tutto a terra. Poi quando inizia a camminare, lui corre per tutta casa e tu lo rincorri con le salviette per pulirlo.

Ecco, anche sul set fotografico a volte succedono scene simili.

La mia esperienza di “cambiatore di pannolini professionista” (altrimenti detto papà) mi ha aiutato tanto anche nella mia professione: ormai so come “prendere” ogni bambino.

Prenderlo non significa che lo convinco a mettersi in posa bellino bellino, non gli dico cheeeeese e lui sorride a comando. Scatto semplicemente seguendo i suoi tempi e le sue esigenze. È lui che scandisce il tempo sul set ed è solo così che mi assicuro un risultato finale spontaneo e naturale.

5 attenzioni che ho prima di fotografare i bambini piccoli

1.Cerco di conoscerlo e farmi conoscere

Per i vostri figli sono uno sconosciuto. Voi mi avete visto in giro o sui social, avete visto mie foto e miei video ed entrando in studio vi sembrerà un po’ di conoscermi già. Loro invece mi vedono per la prima volta e verranno subito messi al centro dell’attenzione.

Prima di farli posare preferisco fare due chiacchiere con loro, raccontargli un po’ chi sono e cosa andremo a fare insieme. Se il tuo bimbo è appena nato invece vi lascerò un po’ di tempo per mettervi comodi prima di iniziare gli scatti.

2.Lo faccio ambientare

Ogni bambino quando entra in uno spazio che non conosce ha bisogno di un po’ di tempo per ambientarsi. Non pretendo che un bimbo che entra in studio sia subito pronto e a suo agio per scattare. È mio compito invece, con l’aiuto dei genitori, farlo sentire al sicuro e metterlo a suo agio. Gli lascio un po’ di tempo per conoscere il mio studio e per guardarsi intorno, prima di iniziare a lavorare insieme.

3.Lo lascio giocare liberamente

Quando iniziamo a scattare non voglio dargli “ordini”. Gli do qualche indicazione ma preferisco possa essere lui libero di giocare ed esprimersi.

Soprattutto nei set di famiglia in esterna, e con bimbi un po’ più grandicelli, sono io che devo stare al loro passo. Se corrono, saltano, giocano, si rotolano per terra: li lascio fare e seguo il flusso dei loro movimenti per foto spontanee e sincere.

4.Lo rendo partecipe

Ci sono a volte bimbi più titubanti che amano avere la situazione sotto controllo e vogliono sapere cosa sta accadendo.

Prima del servizio gli spiego cosa faremo insieme e cosa dovrà fare per aiutarmi.

5.Coinvolgo la famiglia

Durante i family set la protagonista è tutta la famiglia, oltre che il bambino. Dopo alcuni scatti dedicati al tuo piccolo vi coinvolgerò tutti per foto ricordo. Anche qui: sentitevi liberi di giocare con il vostro bambino e io vi seguo!

Questo articolo ti è piaciuto?

Scrivimi per una consulenza gratuita

o anche solo per una tua curiosità

o per saperne di più…

o in ogni caso, scrivimi, ti risponderò al più presto!

Condividilo su Facebook
Condividilo su Linkedin
Condividilo su Pinterest
Condividilo su Twitter
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE