La fotografia newborn può fermare il tempo! 

In questo articolo troverai

La scorsa settimana abbiamo parlato di newborn! E tante mamme mi hanno chiesto di parlarne ancora. Questa settimana scoprirai come la fotografia newborn può fermare il tempo e anche altri due aspetti importanti che ti faranno capire quanto lavoro, studio e cura c’è dietro :

1. perché il neonato deve dormire durante il servizio.

2. Perché si deve fare entro i primi 15/20 giorni di vita del bambino.

Partiamo da un presupposto importante: ci vuole molto coraggio e fiducia a mettere il proprio bambino appena nato nelle mani di un’altra persona! Non è una cosa scontata  anzi, sono orgoglioso delle mamme, perché solo loro possono sapere cosa significa affidare il proprio dono più prezioso a qualcuno e credere che se ne possa prendere cura come farebbero loro stesse! 

Questa fiducia se ben riposta, ti restituirà un secondo dono: la fotografia newborn può fermare il tempo! Consegna al futuro e il  ricordo dei primi giorni di vita di tuo figlio! Lui non sarà mai più come nei giorni in cui è appena nato!

Il suo viso, le sue espressioni tenere, i tratti con cui è nato: tutto si modifica in fretta da una settimana all’altra e in modo così rapido che non farai in tempo a ricordarli per sempre. 

La nascita di un figlio è un’esperienza intensa, movimentata e meravigliosa, per una mamma e per tutta la famiglia. 

Non sempre si riesce a godersela a pieno minuto per minuto. 

La fotografia newborn può fermare il tempo in questo è un mezzo che aiuta le neo mamme a non perdere quei momenti preziosi.  Racchiude quella esperienza in uno scrigno prezioso che è il primo album di tuo figlio! 

fotografia new born: scopri come fermare il tempo!

1. Perché il neonato deve dormire durante il servizio fotografico newborn?

Non si può fotografare da sveglio, non sarebbe possibile fargli assumere quelle posizioni che di solito ha mentre dorme.  il bimbo entro le due settimane di vita ha molta più facilità all’addormentamento (dorme più ore al giorno rispetto ad un bambino di 1-2 mesi), si tranquillizza con facilità e spesso e non soffre ancora delle classiche “colichette” che renderebbero difficile la realizzazione del servizio fotografico!  In 3 ore di sezione fotografica è probabile che sia quasi sempre addormentato, tranne i momenti dedicati alla poppata.

2. Perché si deve fare entro i primi 15/20 giorni di vita del bambino.

Al momento della nascita, molte delle loro ossa non sono ancora saldate insieme e il processo che porterà alla formazione dello scheletro finale inizia appunto a partire dalla terza settimana di vita. Alcune pose, che in un bimbo di 2 settimane sono realizzabili in perfetta sicurezza, potrebbero essere quasi impossibili da realizzare in tempi successivi. 

Il suo corpicino, ha ancora una struttura elastica che conserva la memoria e la piacevolezza, di stare raggomitolato e avvolto, come nella pancia della mamma. La posizione fetale appunto. 

Gli accessori come le fasce e i cuscini morbidi non vengono scelti a caso ma studiati con cura dai fotografi newborn proprio per dare al neonato la sensazione di sentirsi avvolto e “stretto” come quando era nella pancia.

Da life photographer la cosa che più mi emoziona è proprio farti vedere dal vivo e toccare con mano la trasformazione e il cambiamento del tuo bambino da quando abbiamo fatto le foto alla consegna dell’album! La fotografia newborn può fermare il tempo! E’ l’unica che ha questo potere!


A differenza degli altri studi fotografici, grazie al metodo LIFE potrai continuare a vivere questa emozione nel tempo e a costruire la tua storia raccontando tutte le tappe più importanti della tua vita! 

Potrai sorprendere te stessa e tutte le persone care ripercorrendo attraverso le foto tutte le tappe della tua storia, della tua crescita e della crescita della tua famiglia senza perdere momenti preziosi, che non torneranno più. 

Sei pronta a creare il tuo diario personale? 

Questo articolo ti è piaciuto?

Scrivimi per una consulenza gratuita

o anche solo per una tua curiosità

o per saperne di più…

o in ogni caso, scrivimi, ti risponderò al più presto!

Condividilo su Facebook
Condividilo su Linkedin
Condividilo su Pinterest
Condividilo su Twitter
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE